Home | About me | Indice delle ricette | Le mie foto | Copyright | Scrivimi | Feed RSS | Press | Links

mercoledì 3 febbraio 2010

La roveja, questa sconosciuta

Zuppa di roveia

Non vorrei affatto che pensaste che questo blog aspiri a diventare una bella mostra di prodotti di nicchia e totalmente introvabili, tutt'altro. Se talvolta parlo di prodotti un po' particolari e semi-sconosciuti è perché spero che possano interessarvi e che siano uno spunto per aumentare non solo le nostre conoscenze (io imparo con voi, ovviamente), ma anche un po' la gamma degli ingredienti che di solito utilizziamo per i nostri piatti, un modo come un altro per ampliare i nostri orizzonti culinari insomma. C'è anche da dire che chi mi sta intorno ormai sa che mi fa più piacere ricevere, chessò, una spezia ricercata piuttosto che un vestito nuovo per dire e quindi mi capita di frequente di ricevere in dono curiosità gastronomiche provenienti da ogni dove.

Tutto questo per dirvi che a Natale una mia cara amica mi ha regalato un bellissimo cesto colmo, tra le varie cose, di legumi e cereali provenienti dall'Umbria e, tra molti nomi noti, mi sono ritrovata faccia a faccia con la roveja, fino a quel momento a me totalmente sconociuta. Si tratta di una varietà di piselli selvatica che cresce e viene prodotta a quote elevate prevalentemente lungo la dorsale dei monti Sibillini, già nota anche ai tempi dei Greci e dei Romani. Presenta semi di diversi colori che virano dal verde scuro, al marrone, al grigio ed ha un altissimo valore nutritivo perché ricchissima di proteine, carboidrati, fosforo, potassio (se consumata secca) mentre è povera di grassi. Purtroppo la sua coltivazione è stata da tempo quasi del tutto abbandonata in favore di altri tipi di legumi ben più redditizi, che richiedono un minor tempo di raccolta e possono essere falciati anche attraverso macchinari meccanici, cosa che per la roveja non può avvenire, visto che deve essere falciata a mano a causa della lunghezza degli steli della pianta. La roveja o pisello dei campi di Civita di Cascia (Pg) attualmente è un presidio Slow Food. [fonte: Taccuini Storici - Presidi Slow Food]

Questo legume un po' dimenticato, dal sapore che ricorda alla lontana quello delle fave, è perfetto per preparare zuppe e minestre o per arricchire secondi corposi di carne, come gli spezzatini ad esempio. Io ci ho fatto proprio una zuppa, di quelle piuttosto classiche con cipolla tritata e carota volutamente lasciata a tocchetti grossolani, alla quale ho dato un po' di carattere con il tocco speziato della paprica dolce e dei semi di cumino. A fine cottura ho aggiunto un paio di manciate di spinacini freschi e devo dire che ho ottenuto una zuppa nutriente, saporita e davvero piacevole al palato. Naturalmente per chi non riuscisse a reperire questo legume selvatico è possibile replicare questa ricetta sostituendo la roveja con delle lenticchie o dei ceci secchi, adattando di conseguenza il tempo di cottura.

Zuppa di roveja alla paprica e cumino

Ingredienti per 2-3 persone:
250 g di roveja (sostituibile con la stessa quantità di lenticchie o ceci secchi)
1 cipolla media
1 carota grande
2 cucchiaini di paprica dolce
1/4 di cucchiaino di semi di cumino
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
800 ml circa di brodo vegetale caldo
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
2 manciate di spinaci baby
sale, pepe

Procedimento:
Mettete la roveja in ammollo in acqua fredda all'interno di una ciotola per circa 12 ore. Trascorso questo tempo scolatela e sciacquatela più volte sotto l'acqua corrente. Mondate la cipolla e tritatela finemente con un coltello, pulite la carota e riducetela a rondelle abbastanza spesse che poi dividerete a metà. In una capiente casseruola fate scaldare l'olio extravergine di oliva, unitevi la cipolla e fatela appassire mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Aggiungete le carote e fatele insaporire, quindi unite al soffritto la paprica, il cumino e il concentrato di pomodoro, diluendo il tutto con poco brodo vegetale caldo. Fate cuocere per qualche minuto, aggiungete la roveja ben scolata e circa 600-700 ml di brodo vegetale caldo. Portate a bollore, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per circa un'ora e mezza coperto, o comunque fino a quando noterete che la roveja è cotta (il tempo indicato è quello che ci ho messo io, ma vi consiglio di verificare ogni tanto il grado di cottura). Se notate che la zuppa tende ad asciugarsi troppo aggiungete altro brodo vegetale caldo. Quando sarà pronta spegnete il fuoco ed unite due manciate di spinacini baby già puliti e spezzati al momento con le mani, mescolate fino a quando diventeranno teneri. Regolate di sale e di pepe e servite subito accompagnando con un giro di olio extravergine di oliva a crudo e crostini di pane tostato.

49 commenti:

  • Federica

    Se non avessi letto il titolo avrei pensato che fosse una zuppa di lenticchie! Non si finisce davvero mai di imparare. L'aspetto è invitantissimo. Grazie per avermi fatto conoscere questo "nuovo" legume...proverò a cercarlo, mi hai incuriosita ^_^
    Buona giornata

  • Lydia

    Sara, tu lo sai, a me piace molto ritrovare e riscoprire sapèori dimenticati o sconosciuti e sono convinta che i nostri blogs servano anche un pò a questo.
    Un bacione

  • Mirtilla

    questa e'una gran bella scoperta anche per me :)
    bacioni

  • Clementina

    Devo provarli anch'io con i semi di cumino, buoni. Clementina

  • Carolina

    Il titolo del post è buffissimo... ;)
    Anch'io a primo impatto guardando la foto ho pensato a delle lenticchie particolari!
    A me piace ogni tanto trovare queste ricette. Poi se lo fai tu...
    Ti auguro una buona giornata,
    un bacio.

  • lenny

    Concordo con Lydia: in fondo si tratta di prodotti italiani, non tanto difficili da reperire ...
    Buona giornata :))

  • Alem

    a me piace leggere di nuovi ingredienti!!! dalla foto sembravano lenticchie..

  • manuela e silvia

    Ottima idea per questi prodotti di nicchia! Una signora zuppa!e davvero gustosa!
    baci baci

  • Dodò

    buonissima la roveja! Ne acquistai una certa quantità a Castiglione del Lago. Inoltre presi anche della farina, che a quanto sembra è ancora più introvabile! Mi piace l'abbinamento speziato!

  • Daniela di SenzaPanna

    Bella, mi mancava! ho cercato una foto da cruda perché è interessante

    http://www.saporetipico.it/prodottotipico330/marche/roveja.html

  • Gloria

    Zuppa interessante, grazie a questo post poi ho scoperto l'esistenza di questo legume a me sconosciuto prima!

  • elenuccia

    Questa zuppa è veramente molto appetitosa. E poi io adoro tutti i legumi, quindi scoprire che ne esiste uno che non ho mai mangiato mi solletica...devo proprio riuscire a stanarlo da qualche parte!

  • Onde99

    Già mi avevi messo il tarlo parlandomene, adesso che la vedo mi viene anche appetito. Fai benissimo, invece, a parlare di prodotti di nicchia, perchè per chi, come me, ama gironzolare è utilissimo sapere, ogni volta che si visita un posto, dove andare a parare con gli acquisti gastronomici. E poi ci sono troppi legumi, ortaggi, frutti dimenticati in favore di coltivazioni più redditizie e meno laboriose e trovo che sia una perdita culturale enorme!

  • Camomilla

    @ Federica: la roveja è un po' più grande di dimensioni rispetto alle lenticchie, in cottura cresce molto rispetto alla sua dimensione iniziale :) Grazie a te, sono felice che questo post ti abbia incuriosita!

    @ Lydia: hai ragione carissima, credo che diffondere e far conoscere i prodotti italiani dimenticati (insieme alle tradizioni perdute aggiungo) sia una delle finalità più importanti dei nostri blog :)
    Un abbraccio

    @ Mirtilla: bene, grazie :)

    @ Clementina: io non esagerato con la quantità di semi, per chi piace si può anche aumentare un po' la dose volendo :)

    @ Carolina: buondì Caro :)
    Lo sai come faccio, cerco sempre un approccio un po' ironico per non sembrare sempre troppo seriosa e per prendermi un po' in giro!
    Come dicevo a Federica, la dimensione della roveja è più grande di quella delle lenticchie :) Io spero di riuscire a trovarne dell'altra perché mi è piaciuta moltissimo.
    Buona giornata anche a te, un bacio.

  • Camomilla

    @ lenny: Milena non so a tutti gli effetti quanto sia facilmente reperibile la roveja, io qui a Bologna non l'ho mai vista almeno :) Comunque concordo sul fatto che i nostri blog servano a far conoscere questi prodotti dimenticati. Buona giornata a te :)

    @ Alem: grazie :)

    @ manuela e silvia: grazie ragazze :)

    @ Dodò: con la farina mi pare si faccia la farrecchiata, io quella non ce l'ho e mi piacerebbe trovarla la prossima volta :)

    @ Daniela di Senza Panna: ci siamo già dette tutto su Twitter ;) In effetti avrei potuto fotografarla da cruda, ma era sera quando l'ho messa in ammollo e non sarei riuscita a farla vedere bene :)

  • Camomilla

    @ Gloria: ti ringrazio, sono felice che questo post sia stato utile a molte di voi :)

    @ elenuccia: abbiamo la passione verso i legumi in comune allora e se è così non puoi proprio perdertela la roveja ;)

  • Nina's Recipes

    Ciao Camomila, remember me? Nina from California! I have a new blog. Visit me when you have a chance! Your blog is beautiful then ever!
    Delicious food and bellissime photos!
    Complimenti!
    Ciao,
    Nina

  • Forchettina Irriverente

    Ciao Camomilla. Questa zuppa ha un aspetto terribilmente invitante. Se a questo aggiungiamo che è preparata con un prodotto non molto famoso .. ma molto territoriale e forse un pò dimenticato .. allora diventa perfetta per essere fatta conoscere a tutti !!! Bella davvero - Manu

  • dolci a ...gogo!!!

    Camo è sempre bello conoscere nuovi prodotti sani e gustosi della nostra italia infatti nn conoscevo la roveja pero trovo la zuppa super buona come tuttte le zucche di legomi sono!!un bacio e grazie a te per farci cnoscere queste delizie!!baci imma

  • Elisakitty's Kitchen

    Invece è affascinante conoscere propdotti di nicchia di cui non si sente parlare. Ecco oggi ho imparato una cosa nuova grazie a te mia cara.... Adesso non mi darò pace fino a che non l'avro trovata anche io questa roveja! Accidentaccio! AHAHAH! :)

  • Saretta

    La conosco di nome ma non l'ho mai acquistata..devo dire che questa zupèpa la rende più che invitante!
    Bacione

  • Camomilla

    @ Onde99: quoto in pieno tutto quello che hai scritto, dimenticarsi di questi prodotti sarebbe una vera perdita culturale. Se ho imparato un po' a conoscere i tuoi gusti credo che questa zuppetta possa davvero fare al caso tuo, se hai problemi a trovare la roveja la prossima volta chiedo alla mia amica di portarmi una confezione anche per te ;)

    @ Nina's Recipes: hi dear Nina! How could I forget you? Thank you for writing me this comment, I'm very happy to read some good news about you and your new blog :) I'll visit you soon, I do primse!
    Thank you Nina, have a nice day :*

    @ Forchettina irriverente: ti ringrazio Manu, sono felice che tutte abbiate apprezzato questo post sulla roveja, ne seguiranno molti altri :)

    @ dolci a gogo!: adoro anch'io le zuppe di legumi e questa credo meriti di essere provata anche solo per scoprire che sapore ha la roveja :) Un bacio.

    @ Elisakitty's Kitchen: credo di essere stata un po' fraintesa nell'incipit del post. Non intendevo affatto dire che questi prodotti siano poco interessanti, tutt'altro anche perché altrimenti non ne parlerei :) Sono contentissima di esserti stata utile Elisa, la roveja so che di certo la si trova in Umbria, tu da Roma non sei molto distante forse la trovi prima di me :)
    Un bacione

    @ Saretta: allora mi permetto di consigliarti di acquistarla se la trovi perché è ottima e fa tanto bene :*

  • mari_angela

    beh non credo la troverò qua ma mi ispira ben un sacco.
    Ma la cosa + curiosa e' che da me i piselli si chiamano in dialetto "arveja", forte no? :)
    complimenti :)

  • Micaela

    anch'io sono fatta così, sarei più felice di ricevere una spezia rispetto a un mazzo di fiori! che matte che siamo! non conoscevo questo tipo di piselli, quanti ingredienti nuovi sto scoprendo in questo mondo!!! un bacione.

  • mammafelice

    Non l'avevo mai sentita, ovviamente, ma mi garba parecchio! Ora la cerco, e mal che vada inizio stasera con le lenticchie. Che buona!! :)

  • Camomilla

    @ mari_angela: ma sai che anche in dialetto bolognese i piselli sono l'"arvaje"?? Spero per te che riuscirai a trovarla ;)

    @ Micaela: eheheh hai ragione Michi, siamo proprio matte a volte, però le passioni sono così, pensa come sarebbe se ci togliessero anche quelle!
    Un bacione

    @ mammafelice: esatto le lenticchie possono essere un ottimo sostituto della roveja, il sapore non sarà esattamente il medesimo, ma la zuppa verrà buona lo stesso :)

  • Juls @ Juls' Kitchen

    Io apprezzo tantissimo quando mi presentano nuovi ingredienti, trovo che sia davvero l'utilità dei blog, ognuno ci mette del suo! Quindi grazie per questa bella presentazione, per la foto (eh eh eh.. vedrai appena posso provare il mio obiettivo vengo a scuola a da te!) e per la ricetta!
    un abbraccio!
    Ju

  • Zia Elle

    Che legume che hai scovato, brava!! E io che pensavo che scoprendo le cicerchie avevo fatto il massimo!!
    Sembrano davvero buoni, se capito in Umbria mi toccherà cercarli!!

  • Ylenia

    Ciao, vorrei invitarti a fare un salto nel mio blog per renderti partecipe di un'allegra "manifestazione" tra foodblogger che vorremmo organizzare!
    Ci farebbe molto piacere anche conoscere la tua opinione!
    Ti aspetto...un abbraccio
    Ylenia
    http://cioccolarte.blogspot.com/

  • Fiordilatte

    non immagini neanche che curiosità mi hai messo addosso! devo aguzzare la vista alle prossime fiere, è un genere di prodotto difficile da reperire mi sa...

  • Elga

    Mai assaggiata e adesso mi hai incuriosita!

  • Cuocopersonale

    mi è proprio venuta voglia di assaggiarla...
    invitantissima...

  • Cianfresca

    Condividi pure con noi tutte queste meraviglie mi raccomando! Molto interessante, sicuramente alla prima occasione me ne procurerò un po' in modo da provare :)

  • Camomilla

    @ Juls: ma grazie a te stella :) Attendo di vedere le foto con il nuovo obiettivo e se hai bisogno di un paio di dritte chiedi pure ;)
    Un abbraccio!

    @ Zia Elle: eheheh chissà quanti altri legumi non conosciamo mi viene da pensare... A me è paiciuta molto la roveja, credo che ne acquisterò dell'altra a breve :)

    @ Ylenia: grazie per l'informazione, se posso contribuisco volentieri :)

    @ Fiordilatte: un po' lo immagino perché è la stessa curiosità che mi si scatena quando vedo prodotti nuovi e mai provati da tutte voi ;) Non so se la roveja si possa trovare nelle fiere, a me qui non è mai capitato di vederla, al limite Giada te la prendo io :)

    @ Elga: grazie, un bacione :)

  • Camomilla

    @ Cuocopersonale: ti ringrazio :)

    @ Cianfresca: grazie :)

  • tartina

    camo, io sono una patita di zuppine, legumi e affini. oltretutto fanno benissimo, quindi grazie di avermi fatto conoscere un nuovo lenticchia-friend di cui non sapevo neppure l'esistenza e che mi permetterà di variare un po' dai soliti fagioli e/o ceci :P

    *

  • Vale

    che dire? grazie per aver condiviso questa tua nuova scoperta... in effetti io non avevo mai sentito parlare della roveja! E' questo il motivo per cui adoro girare per blog di cucina: si scoprono sempre cose nuove, e si allargano gli orizzonti culinari ma non solo! La ricetta poi mi sembra perfetta per esaltare il sapore del legume... se trovo la roveja, la faccio anche io!

  • Camomilla

    @ tartina: allora mi sa che siamo in due ad apprezzare queste zuppine piene di legumi e molto salutari! Spero riuscirai a trovare la roveja, perché secondo me merita davvero :)

    @ Vale: ti ringrazio, sicuramente se ti capita di fare un viaggetto in Umbria la dovresti trovare. Tengo le dita incrociate per te :)

  • terry

    Nulla di più bello che scoprire questi prodotti nuovi...ed italinai poi, magari storici ed in via di estinzione!
    grazie per la presentazione ed anche per la ricettina che mi sa esser buonissima!

  • Sandra

    gnammete!!! Che delizia Sara ;)
    ho finito ora il pranzetto vegetariano, ma prenderei volentieri una bella ciotola di roveja

  • Camomilla

    @ terry: è una ricetta semplicissima, ma che esalta il sapore di questo eccezionale legume che è la roveja :)
    Un bacio

    @ Sandra: anch'io oggi ho mangiato vegetariano!! Una bella ciotola di roveia me la mangerei volentieri in tua compagnia, chissà che prima o poi... ;)
    Un abbraccio

  • Dario

    Ogni giorno che passa il tuo blog diventa sempre più curioso ed interessante.
    Ormai mi sono lanciato nella ricerca della fava tonka e della roveja, non ti dico le risate dei miei colleghi!

  • Camomilla

    @ Dario: posso immaginare un po' sai, perché sono le stesse risate che si fanno i miei amici! Quando gli ho detto della fava tonka non ti dico quali allusioni hanno fatto :D

  • frenci

    ciao camomilla, ti garantisco che le zuppe a base di ogni tipo di legume mi fanno una gola tremenda, ma non riesco ad entrare nell'ottica di doverle organizzare fin dal giorno prima con l'indispensabile ammollo, chissà poi per quale ragione recondita... se invece me le trovo bell'e fatte gioisco come una bimba... non sarà mica pigrizia? sono contenta invece che tu spesso proponga piatti che richiedono attenzione e tempi lunghi, è davvero un bel recupero della tradizione, ma anche di noi stesse, non credi? dovrei prendere esempio da te, senza dubbio, un bacio ed un abbraccio

  • Fiordilatte

    che tenera grazie :)!magari se riusciamo a incrociarci a Roma te ne commissiono un pacchettino :P!

  • Camomilla

    @ frenci: ma sai che anch'io fino a qualche tempo fa ero così? Poi, visto che di solito queste zuppe di legumi le mangio a pranzo, le metto in ammollo la sera prima e il mattino seguente quando mi sveglio sono già pronte. Io così facendo mi trovo bene devo dire :)

    E' vero mi piace molto proporre piatti che richiedono molta attenzione e tempo, ma purtroppo posso farli esclusivamente nel week end e solo nelle occasioni in cui ho tempo. Durante la settimana con tutti gli impegni che noi donne abbiamo mi risulta un po' difficile.

    Sono d'accordo con te, preparare questi piatti non solo permette di recuperare la tradizione, ma ci fa apprezzare anche il valore del tempo secondo me, almeno nel mio caso è stato così.

    Ti ringrazio carissima e ti auguro un buon fine settimana!

    Un abbraccio

    @ Fiordilatte: ma figurati Giada, è un piacere! Io ci spererei proprio tanto che ce la facciamo ad incrociarci a Roma ;) Fammi sapere per la roveja che al limite vediamo come fare!
    :*

  • Valeria

    è bello che i nostri blog ci aiutino anche ad allargare i nostri orizzonti culinari!!! complimenti, fa davvero venire l'acquolina!

  • salsadisapa

    che buona la roveja, io la adoooooro! non l'ho mai cucinata con queste spezie interessante!

  • Camomilla

    @ Valeria: grazie :)

    @ Salsadisapa: ti ringrazio!